I CONSERVATORI DIGITALI – normativa, requisiti e figure professionali

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 28/11/2014
9:00 - 13:30

Luogo
Auditorium San Paolo

Categorie No Categorie


Luogo e Data : Macerata, 28 novembre 2014
Titolo del convegno di studi

I CONSERVATORI DIGITALI
Normativa, requisiti e figure professionali

Seminario di formazione all’interno del Master in Formazione Gestione Conservazione di Archivi Digitali (FGCAD) in ambito pubblico e privato, VII Edizione

Presentazione

Le nuove regole tecniche per i sistemi di conservazione digitale, emanate con il DPCM 3 dicembre 2013 ed entrate in vigore il 12 aprile 2014, introducono significativi cambiamenti in un settore di attività caratterizzato da un forte dinamismo del mercato del lavoro e da una significativa rilevanza anche sotto il profilo culturale. Tra le novità di maggiore impatto si sottolineano: l’applicazione degli standard internazionali di riferimento, quali le norme ISO 14721:2012 (Reference model for an Open Archival Information System) e ETSI TS 101 533, e l’obbligo per le pubbliche di amministrazioni di avvalersi esclusivamente dei servizi di Conservatori accreditati per la conservazione a lungo termine dei loro documenti e archivi informatici.

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha già avviato il processo di accreditamento dei conservatori digitali, specificando sia i requisiti di affidabilità economica, capacità tecnica e sicurezza informatica, sia i profili delle figure professionali da impiegare in queste strutture, tra cui, ovviamente, il Responsabile del servizio di conservazione e il Responsabile della funzione archivistica di conservazione.

Il seminario di studi delinea il quadro normativo italiano in materia di conservazione di documenti informatici, approfondendo gli aspetti connessi all’accreditamento delle strutture di conservazione e alla formazione delle figure professionali per questo settore di attività. Inoltre, il seminario si propone come momento di riflessione sui cambiamenti che l’introduzione del digitale ha determinato, e sempre di più determinerà in futuro, nel mondo degli archivi.

Programma

9.00 – Registrazione dei partecipanti

9.15 – Saluti delle autorità

9.30 – Archiviazione Elettronica e Conservazione Digitale: evoluzione concettuale e prassi operative
[ Roberto Guarasci, Università degli Studi della Calabria ]

10.00 – Il quadro normativo italiano in materia di conservazione dei documenti informatici
[ Enrico De Giovanni, Avvocato dello Stato ]

10.30 – L’accreditamento dei conservatori digitali: requisiti e modalità
[ Maria Pia Giovannini, Agenzia per l’Italia Digitale ]

11.00 – Quale formazione per i professionisti della conservazione digitale?
[ Stefano Pigliapoco, Università degli Studi di Macerata ]

11.30 – Coffee break

11.45 – Figure professionali per la conservazione digitale: i dati dell’ISTAT
[ Pietro Scalisi, Ricercatore dell’ISTAT ]

12.15 –  L’accesso agli archivi digitali: valorizzazione, fruibilità, consultabilità
[ Federico valacchi, Università degli Studi di Macerata ]

12.45 – Attività dell’ACS per la conservazione degli archivi digitali
[ Agostino Attanasio, Sovrintendente dell’archivio centrale dello Stato]

13.15 – Dibattito aperto al pubblico

Sede e data

Il seminario di studi si svolgerà il 28 novembre 2014, dalle 9.00 alle 13.30 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Macerata, Piaggia dell’Università n. 2, Macerata.

Iscrizione

La partecipazione al seminario è gratuita, previa compilazione ed invio del modulo “richiesta di partecipazione” sottostante.
Per motivi organizzativi, si raccomanda di presentare la richiesta di partecipazione entro il 20 novembre 2014.

Attestato di frequenza

A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Fanno eccezione gli studenti dei Corsi di laurea dell’Ateneo maceratese per i quali è previsto solo il riconoscimento di crediti formativi (CFU) nella misura deliberata dai Consigli delle classi di appartenenza.

Agli Ordini professionali che riconosceranno crediti formativi per la partecipazione al convegno di studi sarà inviato l’elenco dei loro iscritti presenti.

 

Lascia un commento